Lunedì 5 luglio alle ore 18:00, sarà presentato presso i Giardini del Tempio Maggiore il volume “L’ossessione per l’antico. Sigmund Freud e Ludwig Pollak tra ebraismo, archeologia e collezionismo”, a cura di Roberta Ascarelli e Orietta Rossini e realizzato dalla Fondazione Museo Ebraico di Roma – Edizioni עt.

La pubblicazione raccoglie gli atti del convegno tenutosi a Roma nell’aprile del 2019 nella sede di Palazzo Braschi, in collaborazione con la Sovrintendenza Capitolina, la Comunità Ebraica di Roma e la Società Psicoanalitica Italiana. Il volume si concentra sulle figure di Pollak e Freud, dall’Italia all’Austria: lo studio del collezionismo si intreccia con la nascita della psicoanalisi e in questo contesto Freud è esaminatore, ma anche esaminato. A Pollak e Freud e al loro interesse rivolto al passato sono dedicati gli interventi raccolti in questo volume.

L’evento, promosso dal Museo Ebraico di Roma e realizzato in collaborazione con la Comunità Ebraica di Roma, si aprirà con i saluti della Presidente della Fondazione per il Museo Ebraico di Roma, Alessandra Di Castro. Interverranno all’incontro Barbara Jatta, Direttrice dei Musei Vaticani, Anna Maria Nicolò, già Presidente della Società Psicoanalitica Italiana e Claudio Parisi Presicce, Direttore dei Musei Capitolini. Modera Olga Melasecchi, Direttrice del Museo Ebraico di Roma.

La presentazione sarà fruibile sia in presenza, fino a esaurimento posti, che online sui canali social del Museo Ebraico di Roma. Per maggiori informazioni rivolgersi al numero 06.68400661.

L'ossessione pe l'antico