Attualmente in corso presso il
Museo Ebraico di Roma

1849 – 1871

EBREI DI ROMA TRA SEGREGAZIONE ED EMANCIPAZIONE

 

(Museo Ebraico di Roma)

a cura di Francesco Leone e Giorgia Calò

10 novembre 2021 – 27 maggio 2022

Scopri il nuovo Virtual Tour del Museo Ebraico di Roma.

Il Museo Ebraico di Roma è inserito nel complesso monumentale del Tempio Maggiore. Il percorso museale permette, attraverso la visita delle diverse sale, la ricostruzione della vita ebraica a Roma fin dai primi insediamenti, nel II sec. Prima dell’Era Volgare.
La Comunità Ebraica vive a Roma da 2200 anni ininterrottamente: questa caratteristica la rende tra le Comunità più antiche presenti fuori dalla Terra d’Israele. Le opere esposte nel Museo, risalgono principalmente al periodo del Ghetto (1555-1870) e provengono interamente dal palazzo delle Cinque Scole o Sinagoghe.
La ricchissima collezione comprende arredi liturgici, manoscritti, incunaboli, documenti storici, registri ed opere marmoree.
Fin dal 1960 il Museo ha esposto i suoi tesori in un’unica sala, ma lo studio e la catalogazione di tutte le opere hanno richiesto una maggiore area espositiva ed un nuovo allestimento, inaugurato nel 2005.
Il Museo copre un’area di 700 metri quadrati e si snoda in sette sale dai temi diversi. Offre la ricostruzione della vita della popolazione ebraica a Roma e ci mostra come questa sia riuscita a integrarsi nella compagine socio-economica della Città, pur mantenendo la propria identità.

Il Tempio Maggiore

Nel 1870, con la breccia di Porta Pia, l’Esercito Italiano conquista Roma e la città con tutto il suo territorio viene incorporata nel Regno d’Italia; termina il potere temporale dei papi.
Continua a leggere…

Il Tempio Spagnolo

Alla fine dell’Ottocento la Comunità Ebraica di Roma, volendo sostituire le Cinque antiche sinagoghe del ghetto (Cinque Scole) con un Tempio monumentale, intese riservare un oratorio al rito spagnolo….
Continua a leggere…

Il quartiere ebraico

Nel 1555 il Papa Paolo IV, istituisce il ghetto, scegliendo un quartiere tra i più fatiscenti e malsani della città, dove gli Ebrei sono costretti a vivere separati dal resto della popolazione…

Mostre

Survivor – Primo Levi nei ritratti di Larry Rivers

Survivor – Primo Levi nei ritratti di Larry Rivers

Il Museo Ebraico di Roma presenta in anteprima mondiale la mostra Survivor Primo Levi nei ritratti di Larry Rivers Dal 9 maggio al 15 ottobre in esposizione le tre tele commissionate dall’Avvocato Giovanni Agnelli in memoria di Primo Levi Da giovedì 9 maggio fino al...

leggi tutto
Artiste del novecento tra visione e identità ebraica

Artiste del novecento tra visione e identità ebraica

Una riflessione sull'identità grazie a 130 opere di 14 artiste ebree italiane tra cui alcuni importanti inediti provenienti da collezioni private alla Galleria d’Arte Moderna di Roma Capitale dall’11 giugno al 9 ottobre 2014 Roma, aprile 2014 Nell’anno in cui la...

leggi tutto

Eventi

Concerto del quartetto Čiurlionis

Concerto del quartetto Čiurlionis

  A conclusione degli eventi dedicati agli ebrei lituani (Litvak), domenica 10 dicembre alle ore 18.00 il Museo Ebraico di Roma ospita il concerto del quartetto Čiurlionis. Il patrimonio musicale lituano e l'attuale cultura musicale sono un vero diamante dalle...

leggi tutto
Argentieri piemontesi del ‘700

Argentieri piemontesi del ‘700

Mercoledì 22 maggio, alle 18.30, nella Sala Feste dell’Anno, Feste della Vita del Museo Ebraico di Roma – Via Catalana (Tempio Maggiore) – si è tenuta la presentazione del volume Argentieri piemontesi del ‘700. Trovati e ritrovati, di Gianfranco Fina, Skirà Editore,...

leggi tutto
Piero Sadun – Ricordi

Piero Sadun – Ricordi

  Piero Sadun, pittore ebreo toscano, nasce a Siena nel 1919.Il padre Giacomo, è un rappresentante di commercio nel settore alimentare, iscritto al P.N.F a partire dal 1932, volontario nel primo conflitto mondiale, insignito della Croce al merito di guerra.A metà...

leggi tutto

Le sale

Sala 3 – Feste dell’anno, feste della vita

Sala 3 – Feste dell’anno, feste della vita

E’ la sala dedicata agli avvenimenti che scandiscono il tempo dell’ebraismo: la preghiera, il Sabato, le feste ebraiche annuali e del ciclo della vita. In ciascuna vetrina le ricorrenze del calendario che caratterizzano la vita degli ebrei vengono spiegate e...

Sala 4 – I tesori delle Cinque Scole

Sala 4 – I tesori delle Cinque Scole

Argenti, tessuti preziosi e marmi policromi: la sala è un tributo agli oggetti che gli ebrei del ghetto donarono alle loro sinagoghe e l’occasione per spiegarne l’utilizzo all'interno delle celebrazioni liturgiche della tradizione ebraica.

Sala 5 – Vita e Sinagoghe nel ghetto

Sala 5 – Vita e Sinagoghe nel ghetto

La lingua e la cucina, lo spazio urbano e l’architettura, l’istruzione e gli organismi di assistenza: la vita quotidiana nel ghetto a Roma narrata attraverso oggetti e documenti.

Prenotazioni

La prenotazione è obbligatoria per scolaresche o gruppi di persone che vogliono accedere al Museo e alle Sinagoghe attraverso un tour privato.

I singoli visitatori non sono obbligati alla prenotazione, necessaria solo se si desidera visitare il Museo e la Sinagoga con un tour privato.

Il Museo ebraico organizza due tour al giorno del Quartiere ebraico: in inglese alle 13.30 e in italiano alle 15.00 che possono essere prenotati in loco fino a 30 minuti prima presso la biglietteria del Museo.

In ottemperanza alle disposizioni governative vigenti (DPCM del 23 dicembre 2021), dal 30 dicembre 2021 è obbligatorio che i visitatori per accedere al Museo esibiscano il Super Green Pass corredato da un valido documento di identità e che indossino mascherine del tipo FFP2. Le disposizioni non si applicano ai bambini di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti con certificazione medica specifica.

ATTENZIONE: in mancanza delle seguenti indicazioni non sarà possibile accedere al Museo e il biglietto acquistato non verrà rimborsato. Per maggiori informazioni sul Green Pass: www.dgc.gov.it

Rimangono inoltre in vigore le prescrizioni di sicurezza anti-Covid.
Lungo il percorso museale sono posizionati dispenser di gel igienizzante, mentre le sale hanno una capienza contingentata nel rispetto della distanza fisica prevista per la sicurezza dei visitatori.